Chi siamo

Una storia lunga più di 25 anni

Siamo una cooperativa sociale di tipo A, iscritta nel registro delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale (ONLUS) e offriamo servizi socio-sanitari attraverso la professionalità dei nostri infermieri.

Dal 1989 gestiamo servizi infermieristici in strutture ospedaliere e sociosanitarie sul territorio della Provincia di Bolzano, in particolare nell’assistenza geriatrica, a persone con disabilità e fragilità mentali e disagio psichico.

Storia

La Cooperativa Operatori Socio-Sanitari – S.O.S. viene fondata nel 1989 a Bolzano da 9 infermieri con la finalità di perseguire l’interesse generale della comunità alla promozione umana e all’integrazione sociale dei cittadini attraverso la promozione della salute mettendo a disposizione la propria professionalità.

In quegli anni la cooperazione sociale senza finalità di lucro era un fenomeno in fase embrionale – la Legge sulla cooperazione sociale verrà promulgata solo nel 1991 – e questi 9 infermieri colsero la sfida di associarsi per organizzare servizi di cura rivolti ai nuovi bisogni di assistenza dei loro concittadini.

S.O.S. fu una delle prime cooperative a sorgere in Alto Adige con la particolarità di essere un’organizzazione privata ma con una finalità e funzione sociale.

Esperienza

Negli oltre venticinque anni di attività la cooperativa ha maturato esperienza nell’erogazione di servizi di assistenza e prestazioni infermieristiche a persone in stato di bisogno sia presso il loro domicilio che negli ospedali od altri centri diurni, case di cura e soggiorno, centri di degenza e case di riposo.

Questa esperienza è stata tradotta in un completo sistema di progettazione ed erogazione assistenziale certificato secondo le norme internazionali ISO 9001:2008 per la gestione di qualità.

Nell’elaborazione di questo sistema erogativo si è tenuto conto non solo delle competenze tecniche, ma anche di un approccio culturale, che identifica la persona in cura non come semplice oggetto di prestazioni o malato, ma come soggetto, la cui dimensione umana va mantenuta e tutelata.

La persona in cura viene quindi considerata come un individuo che sta vivendo una condizione di “fragilità” e questa fragilità va tutelata adottando un approccio relazionale e tecnico che ha come nucleo la “personalizzazione e il coordinamento delle cure”.

Cura

Lavoriamo per clienti pubblici (Aziende sanitarie, Comuni, ecc.), aziende private e comuni cittadini che necessitano di assistenza.

Attualmente ci prendiamo cura di circa 3000 persone, in prevalenza anziane, con disabilità fisiche e fragilità mentali e con disagio psichico, che per semplicità riassumiamo in posti letto gestiti: 549 in Residenze sanitarie assistite; 24 in Residenze sanitarie assistite Ospedaliere; 91 nell’assistenza a persone con disabilità e fragilità mentali, 2500 in ambito ambulatoriale o nell’assistenza domiciliare.

Annualmente eroghiamo 100.000 ore di assistenza.